12 dicembre 2017

La fotocellula

– Sai che cosa mi dà un piacere indicibile? – mi ha chiesto Creativo n.2.
O era Creativo n.3?
Non me lo ricordavo più.
Eravamo nascosti nel bagno aziendale, al buio. E per evitare che la fotocellula rilevasse la nostra presenza e accendesse le luci, ce ne stavamo perfettamente immobili, bisbigliando appena. Ci eravamo chiusi lì per scampare a un briefing o a un debriefing o un rebriefing o un prebriefing, chi se lo ricorda? Io non me lo ricordavo di certo, perché avevo appena ingollato una NonCiPensare®. O forse due? Il problema con le NonCiPensare® è che dopo averne presa una, ti dimentichi quasi subito di averla presa, e allora ne prendi un’altra; e un’altra; e un’altra...
– No, cosa? – ho risposto, anche se la sua era una domanda retorica, quindi potevo anche non rispondere: potevo anche solo stare zitto: ma uno degli effetti collaterali della NonCiPensare® è che non cogli più le finezze della retorica.
– Vedere tutte quelle macchine sportive e SUV e berline, quelle che negli spot pubblicitari sfrecciano  silenziose su strade deserte in mezzo a paesaggi epici usciti dal Signore degli Anelli, vederle arrancare a due all’ora nel traffico cittadino dietro alla circolare o all’ApePiaggio dell’impresa di pulizie bangladese mentre vengono superate da vecchi pensionati su biciclette arrugginite.
Ridacchiamo piano, per non farci sentire dalla fotocellula.
Anche se la fotocellula non ha orecchie.
Vorrei chiedergli: già, ma tu chi cazzo sei? Numero 2 o numero 3?
Invece sto zitto e penso alla velocità del buio, che secondo me è almeno il doppio della velocità della luce.

3 commenti:

Wulfgar Pizzulli ha detto...

La Velocità del Buio dici.
Adesso ho qualcosa a cui pensare questa notte.

-Piombo

Maurizio Bagnasco ha detto...

Chissà che ne penserebbe il buon vecchio Einstein della velocità del buio... Com'era più la formula, mmmh non me la ®icordo

Bandini ha detto...

>Piombo
Oltretutto di notte si pensa al doppio della velocità, proprio per vai del fatto che è buio (o bujo).

>Maurizio Bagnasco
Einstein ne pensava tutto il male possibile, soprattutto quando la luce saltava mentre era in procinto di spuntarsi i baffi.

p.s.(non sono un robot)