17 novembre 2009

Chiedere l'amicizia

Sono caduto con il motorino mentre consegnavo le pizze. Stavo facendo un esercizio di rilassamento che mi ha consigliato Armenia. Mi ha detto Armenia quando mi monta il nervoso di chiudere gli occhi e visualizzare qualcosa di pacificante. Io avevo avuto un alterco con Lacazza, il pizzaiolo di Rapidopizza. Tutto era nato dal fatto che io avevo starnutito, e poi avevo detto "forse ho la suina". Lacazza era lì che impastava pizze, e mi fa: "Certo che hai la suina, è la tua fidanzata" ed è scoppiato a ridere che gli mancava l'aria. Io non l'ho capita subito, l'ho capita solo dopo un po', ma a quel punto ormai ero già sullo scooter che stavo consegnando le pizze, e ovviamente mi è montato il nervoso. Allora ho fatto come mi ha consigliato Armenia, ho chiuso gli occhi. Solo che non mi veniva da visualizzare niente di pacificante. Vedevo solo buio, e il buio non è pacificante. Poi mi è comparsa l'immagine di Lacazza impalato a una trave. Poi mi è comparsa la fica di Armenia. Poi niente, ho sentito un gran botto, ho aperto gli occhi e il botto ero io che mi ero schiantato con il motorino contro una macchina parcheggiata, io ero volato contro il parabrezza. Ho richiuso gli occhi pensando a qualcosa di pacificante, ma una voce mi ha costretto a riaprire gli occhi, era la voce del proprietario dell'auto.
- Ehi, ragazzo, ehi, che cazzo è successo?
- Sto cercando di visualizzare qualcosa di pacificante.
- LA MIA MACCHINA! SEI FINITO CON LO SCOOTER SULLA MIA MACCHINA!
Ho aperto gli occhi, non c'era verso.
- Non se la prenda. Vuole darmi la sua amicizia?
- Come?
Mi faceva male il collo. Ho cercato di scandire le parole.
- Vuole - darmi - la - sua - amicizia?
- Mi hai distrutto la macchina, stronzo! Non voglio la tua amicizia, voglio i tuoi documenti e i dati della tua assicurazione!
- Dove sono finite le pizze, hai per caso visto le pizze?
Lo scooter per fortuna andava ancora. Dopo aver espletato le formalità, ho raccattato le pizze dall'asfalto, le ho rimesse nei cartoni e le ho consegnate a chi di dovere. Chi di dovere era un tizio della mia età circa che abitava in centro.
- Che è successo alle pizze?
- Niente, perché?
- I cartoni sono distrutti.
- Non fermarti all'apparenza, amico.
- Non sono tuo amico. E poi cosa sono questi sassolini in mezzo alla pizza?
- Posso chiederti la tua amicizia?
- Ma vaffanculo. Chi ti conosce.
- Il mio nome è Jimmy Bandini. Posso chiedere la tua amicizia?
- Stai sanguinando, stronzo! Sei fuori di testa?
Non mi ricordo se mi ha dato la mancia o no, avevo le idee un po' confuse. Quando sono arrivato a casa c'era Armenia che stava leggendo Io Elettrodomestico, la sua rivista preferita.
- Santiddio, che ti è successo? - ha urlato vedendomi.
- I tuoi esercizi di visualizzazione sono pericolosi, lo sai? E poi chiedo l'amicizia a un sacco di persone ma nessuno me la dà, perché?
Comunque non ho la suina. E se anche fosse non me ne sbatte un cazzo.

22 commenti:

Pel(l)acani ha detto...

ti do l'amicizia se non mi porti piu' tu le pizze

Barbara ha detto...

E' la sindrome di Facebook? :)

cletus ha detto...

anch'io sono abbonato a Io, elettrodomestico. Ma non per questo chiedo l'amicizia a chiunque.

In ogni caso, un bel post sulla nave da crociera russa arenata sui ghiacci dell'antartide, come la vede lei, signor Bandini ?

Bandini ha detto...

>Pellacani: ah eri tu quello delle pizze?

>Barbara: in effetti Armenia, che è su facebook, mi racconta sempre di aver chiesto l'amicizia a questo e a quell'altro, per cui ho provato a farlo anche io, solo che non mi funziona.

>Cletus: hai visto il paginone centrale di Io, Elettrodomestico di questo mese? C'è il poster di un'asciugatrice in lingerie, fantastico.
Il post sulla nave russa lo vedo benissimo, cosa aspetti a scriverlo?

cletus ha detto...

fatto !

Anonimo ha detto...

io sono abbonata a "io piccì"
ma non lo leggo mai.
quando l'ho sottoscritto pensavo che fosse la nuova rivista comunista.
e invece...
io manco ce l'ho il computer...
gmai

Anonimo ha detto...

Egregio Sig. Bandini,
guardi che io sono abbonato al suo blog da ormai un po' ma Lei non si è mai degnato di farmi pervenire (pervenire si potrà scrivere su un blog? ma... magari poi Lei lo tagli quando lo modera) il bollettino per il versamento. Non è che poi mi arriva da pagare con gli arretrati, che poi non posso neache più andare a farmi difendere in TV da Marrazzo che ora ci ha i suoi c...i anche lui da pensare...
Grazie comunque e complimenti per il blog.

Bandini ha detto...

> Gimai
Se "Io Piccì" ti ha delusa, ti consiglio "Io Picci Tu Pocci", sulla vita di coppia.

> Egregio Anonimo, mi scuso per il disguido, provvederò a far impalare il Responsabile Ufficio Abbonamenti. Può correre ai ripari facendo una donazione di XXX euro (si potrà scrivere XXX?).

Anonimo ha detto...

Gent.mo Sig. Bandini,
la ringrazio infinita-mente per la disponibilità e per l'umanità che dimostra verso i Suoi sottoposti.
Vorrei rinnovarLe altresì tutta la mia ammirazione nella celerità che caratterizza le Sue risposte, è bello sapere che c'è ancora qualcuno disposto a dedicare parte del proprio tempo al prossimo (tempo comunque pagato dall'azienda!)

Anonimo di pirma

Bandini ha detto...

Grazie anonimo, è bello sapere che qualcuno sa che è bello.

Renton ha detto...

...comunque trenta euri non son poi tanti.

Anonimo ha detto...

"Poi niente, ho sentito un gran botto, ho aperto gli occhi e il botto ero io che mi ero schiantato con il motorino contro una macchina parcheggiata"

Posso stamparmela su una maglietta ???

Gibbone

Federico ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Federico ha detto...

Chiedo in punta di piedi il permesso di scrivere su questo blogghino.
Per me il ragazzo che porta le pizze è un personaggio familiare, uno di che casa, che aggiunge all'ordinazione una birra e si ferma a fumare una sigaretta.
Simpatico l'aneddoto e l'avvicendarsi dei commenti.
Buona domenica.
Federico

Anonimo ha detto...

Grazie per il suggerimento Bandini.
Ma la vita di coppia non mi interessa leggerla.
E' già abbastanza viverla, con le sorprese che ci riserva!
;)
(e poi "Io picci tu pocci" è edito da Mondadori!)

Anonimo ha detto...

mi sento a disagio, ora, a parlarti attraverso un elettrodomestico.
non ti chiederò mai mai la tua amicizia. come non chiedo quella dei libri, o dei quotidiani.

h.

Koohuku ha detto...

io ho cercato Jimmy Bandini su librofaccia e l'ho trovato :)

peppermind ha detto...

Prova a chiedere se ti followanom o si subscrivano.
Magari al capissen nagott e ti dicono di sì, e mi eviti questi spaventi, che quando sono arrivato al punto che hai l'incidente ti ho chiamato sul cellulare, non rispondevi, sono andato in fissa, ho chiuso gli occhi per calmarmi e mi è venuto addosso un motorino, anche se ero in casa.


Post eccellente, riso molto, gran bello stile stralunato.

@gmai: Io ho comprato "Io, picio-pacio", ma non ho ancora iniziato la lettura.

Anonimo ha detto...

pepper, e me lo passi poi?
che qui in piemont "io picio*-pacio" mica è venduto!
(*picio=testa di c****!!)
:)))

Tyler Durden ha detto...

Bandolo, sappiamo benissimo tutti e tue che QUELLA che chiedi a tutte solo con un eufemismo la potremmo chiamare "amicizia".

Per questo non te la danno mai... ;-)

peppermind ha detto...

@gmai: ops, vedo ora... ormai è tardi, è già sotto uno dei miei 74 tavolini con gamba fuori asse.
Anche qui picio significa pirla.

peppermind ha detto...

@gmai: ops, vedo ora... ormai è tardi, è già sotto uno dei miei 74 tavolini con gamba fuori asse.
Anche qui picio significa pirla.